Architettura e ingegneria sostenibili

Comune di Torre del Greco (NA)

Mercato Comunale e sottostante parcheggio
Progettazione preliminare, definitiva ed esecutiva 2004


L’ex-mercato ortofrutticolo è composto da strutture fatiscenti realizzate con le tecnologie più diverse e di nessuna valenza architettonica ad eccezione dei due corpi di ingresso e del portale, che sono interessanti testimonianze dell’architettura del secolo scorso.

La struttura ha la seguente consistenza: Sup. lotto mq. 4318 – Sup. coperta mq. 1640 -Vol mc. 7400.

Il progetto si propone di realizzare una struttura multifunzionale per accogliere attività mercantili, uffici comunali, attività culturali e di intrattenimento. Nel sottosuolo saranno realizzati i depositi ed un

parcheggio interrato. Il lotto sarà dotato di ampie aree a verde e di una corte centrale dove potranno ubicarsi -in gazebo mobili- ulteriori attività commerciali. A mercato chiuso, in tale piazzale potranno svolgersi manifestazioni di spettacolo (teatro, cinema etc.) o espositive. L’edificio potrà ospitare le seguenti funzioni: botteghe,depositi , bar-ristoro, aree vendita aperte, parcheggio. La struttura ha, infatti, una doppia funzionalità. Insieme alla principale missione di area mercantile, si configura come polo di aggregazione e di sosta anche a mercato aperto. In particolare l’ampio piazzale può ospitare manifestazioni culturali e spettacolari in orari di non apertura del mercato.

Si sono privilegiati sistemi costruttivi a basso consumo energetico, sia in fase di realizzazione che di esercizio ma anche in fase di dismissione favorendo la demolizione selettiva. La struttura è realizzata con zone “filtro” ombreggiate che proteggono gli ambienti dalla insolazione diretta. Per attenuare il riscaldamento degli ambienti si è fatto ricorso ad ampie aree verdi ( utili anche nel riciclare parte del materiale proveniente dagli scavi di fondazione ) e di tre ampie fontane. La struttura progettata ha anche una doppia funzionalità. Difatti E’ sembrato corretto dotare la struttura di due distinti sistemi di movimentazione, uno per le merci ed uno per i fruitori. In tale modi le aree di carico e scarico delle merci e la relativa movimentazione è indipendente e mai percepita dai fruitori del complesso. Le botteghe sono servite dal retro attraverso corridoi esterni; il pubblico, invece, percorre la piazza e i corridoi che su di essa si affacciano.

La struttura fuori terra verrà realizzata con murature di tufo. Gli impalcati saranno in legno, con struttura lamellare e tavolati in legno abete, a vista.

I corpi fuori terra spiccheranno da una piastra in calcestruzzo sotto la quale sono ubicati i depositi ed i parcheggi. I corpi scala ed ascensore saranno realizzati con struttura intelaiata in calcestruzzo armato.

Il benessere ambientale estivo viene assicurato in gran parte attraverso il raffrescamento passivo. La stessa struttura in muratura di tufo sarà schermata con aggetti che evitano il diretto irraggiamento solare nel periodo estivo, senza negarlo invece in quello invernale. L’aria di ricambio – prelevata da camini di ventilazione – sarà pre-raffrescata nel suo passaggio nel sottosuolo per poi essere immessa nei locali dopo aver ricevuto un ulteriore trattamento di filtraggio e raffrescamento nel periodo estivo.

La piazza centrale, possibile accumulatore di calore, è progettata con fontane d’acqua nebulizzatrici ed ampie aree a verde. L’impalcato di copertura è dotato di una intercapedine e di aree a verde per difendere le fabbriche dalle dispersioni invernali e dalla insolazione estiva.

Appare evidente come tali accorgimenti progettuali realizzeranno notevoli risparmi energetici in sede di gestione dell’impianto. Tale obbiettivo viene esaltato dalla tipologia degli impianti adottati.

La produzione dell’acqua calda sanitaria avverrà con un impianto termosolare dotato di boiler di accumulo della energia solare prodotta; l’acqua sanitaria sarà distribuita attraverso un circuito primario alle varie utenze.

Il complesso sarà dotato di un impianto fotovoltaico integrato a celle di silicio amorfo posto su due coperture curve di circa 126 mq. cadauna. Tale impianto è dimensionato per un produzione di circa 10,6 kWp, il rendimento energetico annuo è stimato intorno a 14500 kWh/anno, con una conseguente riduzione di emissione di Co2 di circa 7800 Kg.. L’impianto idrico è realizzato con una rete duale d’acqua piovana dedicata all’innaffiamento ed alla alimentazione delle cassette del wc.

Gli erogatori finali saranno installati di tipo a risparmio d’acqua, tali erogatori consentono un risparmio di circa il 50 % della risorsa idrica.

Sono previsti due punti di smaltimento per raccolta differenziata, ciascuno suddiviso in: umido, carta e cartoni, vetro, plastica e lattoneria. Tali punti di smaltimento potranno essere dotati anche di piccolo compattatore per ottenere una riduzione dei volumi da trasportare a rifiuto o riciclo.